Dati                                Che corridore sei?


Correre fà bene. A tutte le età. Non esiste un'età giusta per iniziare, l'importante è fare le cose con criterio. Prima di cominciare è sempre consigliabile sottoporsi ad una visita medica di idoneità fisica e dotarsi di un adeguato paio di scarpe da running.

Ma come scegliere le scarpe giuste?
Per una scelta ottimale è fondamentale prendere in considerazione il proprio peso corporeo e appoggio, nonchè il tipo di allenamento  che si intende seguire e la propria forma del piede.

Che tipo di piede hai? 
Scopri la forma del tuo piede!

Insieme all'andatura della corsa, la forma del piede risulta molto utile per guidarvi nella ricerca della giusta scarpa da corsa nei vari scaffali durante il vostro acquisto.
Il modo più semplice  per scoprire quale forma di piede corrisponde al tuo è quello di affettuare un breve auto-test. Si prega di tenere presente che questo è solo un auto-test, se avete  dei dubbi,  meglio richiedere  una consulenza personalizzata.
             GUARDA IL VIDEO            

Per la prova è necessario preparare una padella, un pò d' acqua e un giornale.
• Versa un sottile strato di acqua nella pentola
• Bagna la pianta del piede
• Cammina sul giornale e lascia una buona impronta del piede
• Scendi e confronta le tue impronte con le seguenti immagini:
           in generale ci sono 4 grandi famiglie di tipi di piede, ognuna delle quali richiede uno specifico supporto, ammortizzazione e  orientamento.



Piede Normale

Un arco normale lascia un'imprtonta diffusa che mostra l'avampiede e il tallone collegati da una fascia ampia.





Arco Alto
I piedi con un arco ampio lasciano un'impronta che mostra una fascia stretta di collegamento tra l'avampiede e il tallone ( tale fascia può anche essere completamente assente).






Arco Basso
(formazione normale)
Un arco basso lascia un'impronta quasi completa con una leggera curva interna.



Piede Piatto
Il piede piatto ha un arco basso e lascia un'impronta quasi completa. E' presente una leggerissima curva interna dove dovrebbe formarsi l'arco.




Che appoggio hai?
Per individuare, invece, il proprio appoggio, il miglior sistema è quello di analizzare la suola delle proprie scarpe da running o calzature utilizzate da tempo (almeno 500 km su un piano).
In generale sono 4 le tipologie di appoggio del piede durante la corsa:


APPOGGIO NORMALE
USURA: margine esterno e centro tallone

+ centro avampiede, 50% dei corridori

CATEGORIA A1- Super Leggere
La prima categoria di scarpe analizzate sono quelle indicate per chi presenta un APPOGGIO NORMALE del piede durante la corsa.

Le scarpe della categoria A1 sono le più veloci. Di forma curva e di peso contenuto (massimo 250 gr. nella misura 9 US), presentano poco dislivello tra avampiede e tallone, sono quasi sempre piatte e con potere ammortizzante molto limitato. Garantiscono ottima flessibilità e una risposta reattiva. Sono quindi indicate per le gare su strada di atleti leggeri e veloci, mentre sono vietate ai podisti pesanti, ai lenti e ai pronatori.




APPOGGIO PRONATORE LEGGERO
USURA: margine esterno tallone + margine interno avampiede 45% dei corridori

CATEGORIA A2- Intermedie

Anche questa categoria di scarpe sono adatte per chi presenta un APPOGGIO NORMALE durante la corsa

Le scarpe della categoria A2 offrono un buon compromesso tra controllo del movimento nel retropiede e flessibilità nell’avampiede (peso compreso tra i 250 e i 290 gr. nella misura 9 US). Sono generalmente di forma semicurva e hanno un dislivello medio tra avampiede e tallone. In alcuni casi sono dotate di supporti di controllo del movimento il cui intervento è comunque limitato.
L’ammortizzamento è quasi sempre buono. Gli atleti più in forma e quelli leggeri possono usare questo genere di scarpe anche per gli allenamenti. I podisti più pesanti o i meno veloci le possono utilizzare come scarpe da gara.




APPOGGIO SUPINATORE
USURA: margine esterno tallone + margine esterno avampiede 5% dei corridori

CATEGORIA A3- Massimo Ammortizzamento

Il tipo di scarpe adatte per chi presenta un APPOGGIO SUPINATORE, il meno frequente tra i corridori ma che è  bene correggere con la giusta calzatura.

Le scarpe della categoria A3 sono l’ideale per l’allenamento del corridore medio e del principiante. Sono di forma dritta o semicurva, con un buon dislivello tra avampiede e tallone per salvaguardare tendini e articolazioni da infortuni (peso superiore ai 300 e inferiore ai 400 gr.). Per garantire il massimo effetto ammortizzante e una buona flessibilità, spesso permettono un minor controllo del movimento. Questi modelli sono indicati per qualsiasi chilometraggio, per gli atleti con l’appoggio neutro o in inversione. Il 90% dei runner che utilizzano plantari personalizzati usano scarpe di questa categoria.



APPOGGIO PRONATORE ACCENTUATO
USURA: margine esterno tallone + margine interno avampiede 45% dei corridori.

CATEGORIA A4- Stabili

Questa categoria di scarpe A4 è consigliata per chi presenta un APPOGGIO PRONATORE durante la corsa.


Le scarpe della categoria A4 sono create per correggere l’eccesso di pronazione, ovvero per chi ha il piede piatto e tende a piegare le calzature verso l'interno. Resistono ai movimenti del piede sull’asse longitudinale e mediano senza che si verifichi una deformazione permanente nella loro struttura (peso compreso fra i 300 e i 400 gr.). In alcuni modelli di peso contenuto si può trovare un buon compromesso tra ammortizzamento e stabilità.Tutte le scarpe di questa categoria sono sconsigliate ai supinatori, cioè ai corridori con piede rigido che appoggiano l’avampiede verso l’esterno

Scopri dalla tabella che tipo di corridore sei       

commenti

 

   Nome e Cognome :  
 

      Mail :     
 

Messaggio
.


leggi commenti










VIDEO: Scopri la forma del tuo piede



Torna indietro